EN

GAY PRIDE IN CINA, COSA VIVONO LE COMUNITÀ LGBT NEL PAESE ORIENTALE?

In queste settimane si stanno svolgendo in Italia i vari gay pride, manifestazioni in cui le persone che si riconoscono nella categoria LGBT (lesbian,gay, bisexual e transgender), si radunano per manifestare i loro diritti e il loro orgoglio. Scopriamo qual’è la situazione LGBT in Cina?

 

Innanzitutto cerchiamo di capire qual’è la correlazione con questo blog che parla di marketing digitale in Cina?

 

Nel mondo occidentale sono finiti i tempi (per fortuna) in cui essere LGBT costituiva una vergogna quando non addirittura un reato o comunque una situazione sociale molto disagiata.

Gay pride hope

Oggi, benché gli odiosi fenomeni dell’omofobia e della discriminazione non siano stati ancora del tutto estirpati, la situazione è però senz’altro molto migliorata.

In quasi tutte le nazioni del mondo occidentale le coppie gay possono sposarsi, adottare bambini e, per l’appunto, manifestare apertamente per i loro diritti. Se si osservano i partecipanti dei vari gay pride si nota subito una cosa: Il numero elevato.

 

Infatti, quando tante persone si uniscono, accumunati dagli stessi interessi, stesse passioni e diventano di fatto più che una comunità ma un “movimento”!

LGBT China

Secondo una ricerca condotta dal William Institute effettuata nel 2018 le persone nel mondo, dichiaratesi LGBT sarebbero state circa il 3,6%, ma molto probabilmente sono più.

 

Un “movimento” di milioni di persone costituisce un mercato che non può essere trascurato e non è un caso se, anche nelle pubblicità televisive di prodotti per tutti i giorni fanno sempre più capolino coppie gay: non è solo politically correct; è marketing!

Marketing

La regola per capirci meglio è semplice: qualcuno più importante di me disse a suo tempo che una candela accesa in uno stadio gremito da migliaia di persone non comporterebbe nulla, ma cosa succederebbe se ad accendersi fossero le candele di tutti gli spettatori?

Chiarito questo, com’è la situazione LGBT in Cina?

A seguito di una ricerca, abbiamo cercato di capire quanti LGBT ci siano in Cina.

Sono state trovate molte tabelle di dati percentuali grafici e quant’altro.

Riportiamo una ricerca dal BMC Public Health: Tra i 29.125 partecipanti, 2066 (7,1%) si sono identificati come lesbiche, 9491 (32,6%) come gay, 3441 (11,8%) come bisessuali, 3195 (11,0%) come transgender e 10.932 (37,5%) come eterosessuali.

pride marathon

Ma cosa significa essere gay in Cina?

 

Fino al 1997 era un reato

Fino al 2001 era un disturbo mentale…

Ad oggi non è che ci si faccia particolare attenzione. Certo le unioni gay si scontrano in un certo senso con la filosofia confuciana che vede il ruolo della famiglia tradizionale come pilastro della società moderna, ma tutto sommato sono tollerate.

pride

Possiamo affermare che anche in Cina e soprattutto in città multiculturali come Shanghai, assistiamo a organizzazioni, maratone e manifestazioni in favore della tematica LGBT. Eventi che fanno comprendere che seppur la società cinese differisce dal resto del mondo, l’essere umano e il proprio orientamento rimane lo stesso in tutto il globo.

Strategie di marketing LGBT oriented potrebbero risultare efficaci, se ben targetizzate.

pride marketing

La questione è ascoltare e offrire quello che il consumatore vuole, attraverso i mezzi di distribuzione e comunicazione che la società mette a nostra disposizione

 

#openmind

 

GO BEYOND THE WALL


Luigi Pelissero

 

Fare branding è fondamentale per promuovere una corretta identità aziendale. Un marchio è una combinazione complessa di nome, logo, concetti associati, prodotti e valori.
In Cina, il mercato dell’e-commerce è cresciuto rapidamente e internet ha reso possibile la connessione e commercializzazione di prodotti e servizi fra paesi di