EN

GORGONZOLA E TOFU

Tempo fa, in ufficio, aprivo il mio contenitore del pranzo quando mi si avvicina un collega e mi chiede:

“Cos’è quella roba che stai mangiando?”

“Tofu, vuoi assaggiare? gli rispondo…”

Con l’aria un po’ schifata il collega da uno sguardo alla mia pietanza e mi fa:

“Ce la facciamo una carbonara?”

Inutile raccontarvi come finì lo potete immaginare da soli…

Per chi ancora non lo conoscesse, il Tofu è un prodotto derivato dalla soia.

Nell’aspetto e nella consistenza potrebbe ricordare un “primo sale”, ma ne esistono diversi tipi.

Il mio primo incontro col Tofu  risale al 1994 cioè ben prima che comparisse sugli scaffali dei nostri supermercati.

Non mi piaceva quella volta e non mi piace tuttora e pensai che MAI avrebbe trovato posto sulle nostre tavole!

Mi sbagliavo.

Il Tofu nelle nostre tavole ci è entrato eccome! Solo non dalla porta bensì dalla finestra.

Proprio così.


Il Tofu non si è certo imposto come delizia gastronomica ma è diventato rapidamente popolare tra i cultori delle diete Vegan in quanto alimento estremamente versatile e considerato come una sana alternativa alla carne.

Se questo alimento sia veramente salutistico sarebbe da discutere (i più grandi produttori mondiali sono gli Stati Uniti e lo soia che coltivano è geneticamente modificata con non si sa quali rischi per la salute), ma non è questo il punto che voglio specificare.


Il tofu, ormai, ha conquistato una nicchia solida di consumatori.

Quello che mi interessa dire è che il Tofu è entrato inizialmente solo nei negozi di alimenti biologici ma poi è stato adattato ai nostri gusti e abitudini in modo da conquistare un numero sempre maggiore di consumatori.

Ecco quindi comparire, stavolta nei supermercati, gli hamburger di soia, le bistecche le cotolette etc. etc.

Non più tardi di ieri sullo scaffale dei sughi pronti ho notato tra pesti e sughi alla salsiccia fare bella mostra di sé il nuovo “ragù di soia”, prodotto stavolta non da un anonimo produttore di nicchia ma da una ben nota azienda alimentare!

Concludendo: esistono dei prodotti che sembrerebbe impossibile vendere.

Un esempio è il gorgonzola!

Già i cinesi non sono particolari consumatori di formaggio il gorgonzola poi con il suo odore caratteristico e le muffe sembra quanto di più lontano si possa avvicinare ai gusti del Cinese medio ma la storia del Tofu ci dimostra come, con pazienza, tempo e soprattutto le giuste campagne di marketing non esistono “PRODOTTI IMPOSSIBILI”.

 Luigi Pelissero

Fare branding è fondamentale per promuovere una corretta identità aziendale. Un marchio è una combinazione complessa di nome, logo, concetti associati, prodotti e valori.
In Cina, il mercato dell’e-commerce è cresciuto rapidamente e internet ha reso possibile la connessione e commercializzazione di prodotti e servizi fra paesi di