EN

IL CONSUMATORE CINESE

FARE SHOPPING È DIVERTENTE

Acquistare cose non per necessità ma per puro piacere , è intrinseco nella cultura cinese.

Acquistare in store fisici è un’esperienza che il consumatore sceglie di fare, nei centri commerciali ci si va per passare un week end ,è un luogo dove riunirsi con gli amici o mangiare, è più simile al nostro concetto di piazza. In Cina, non è necessario comprare cose in negozi fisici ,è considerata una perdita di tempo; ordini alla sera un prodotto e in mattinata ti arriva il pacco in ufficio, a casa o dovunque tu voglia.

NON VI SEMBRA DI AVER GIÀ VISTO QUESTA SCENA?

mika-baumeister-9_PLAFbXois-unsplash

La classe media cinese è difficile da definire in numeri. L’agenzia statistica cinese pone la cifra a quasi 400 milioni, meno di un terzo della popolazione, definendo una famiglia della classe media come una che guadagna da 25.000 yuan (3.640 USD) a 250.000 (36.400 USD) all’anno. Quello che è sicuro è che è in crescita e che loro ambiscono e lavorano duramente e in maniera estremante competitiva già dalla scuola per salire sulla scala sociale e potersi permettere uno stile di vita uguale se non superiore al nostro ma mantenendo le caratteristiche tipiche della loro cultura. II prodotti occidentali hanno un vantaggio, sono qualitativamente superiori e hanno più charme però non ci scordiamo che il consumatore cinese è diverso da noi , ha meno tempo, è difficile trasmettergli la qualità , la storia i valori di un marchio a scapito del prezzo. Per far pagare un premium price devi essere un marchio riconosciuto altrimenti prediligono il prezzo. La richiesta di beni italiani ed occidentali continuerà a crescere, assicuriamoci di poterla soddisfare.

LA CINA AMA IL “MADE IN ITALY”

Questo però non vuol dire che si vende da solo, la nostra è un’economia fatta di piccole e medie imprese che realizzano opere d’arte su larga scala , attenti però , la qualità al giorno d’oggi non basta più per far scegliere il vostro prodotto al consumatore finale, il tuo brand è quello che ti fa vendere. L’Italia produce beni di lusso e la Cina è il suo più grande singolo mercato al mondo.

1° MERCATO AL MONDO PER AUTO PREMIUM

40% DEI TOP BRAND DELLA MODA SONO VENDUTI QUA

FAR RICONOSCERE IL PROPRIO BRAND

ESSERE IN DIRETTO CONTATTO CON IL CONSUMATORE

AVERE PAZIENZA

Questa è la ricetta per la piccola – media impresa manifatturiera per conquistare la Cina, la tecnologia ha connesso tutto e tutti, bisogna approfittarne. Sfruttare oggi questa opportunità è la chiave per avere successo domani senza spendere milioni per andare in televisione.

Fare branding è fondamentale per promuovere una corretta identità aziendale. Un marchio è una combinazione complessa di nome, logo, concetti associati, prodotti e valori.
In Cina, il mercato dell’e-commerce è cresciuto rapidamente e internet ha reso possibile la connessione e commercializzazione di prodotti e servizi fra paesi di