EN

LA CULTURA CINESE CRESCE ANCHE IN AFRICA

La Cina investe in Africa creando infrastrutture e connessioni in tutto il continente. L’intento è quello di sviluppare il progetto della Belt and Road con la quale la Cina intende stabilire un efficace rete di relazioni e distribuzione tra Europa, Asia e Africa entro il 2049

Domanda e offerta digitale in Africa

Le tendenze digitali esistono al di fuori dell’attuale mercato di consumo, infatti, di recente le aziende cinesi del settore tecnologico hanno intrapreso grandi investimenti in Africa. Aziende di smartphone come Cloudwalk e Huawei lavorano a stretto contatto con missionari e governi africani per creare data center. Altre forme di investimento includono applicazioni di e-governance e città intelligenti.

In modo particolare notiamo come la cultura cinese in Africa sta crescendo e in modo significativo in Algeria e Tanzania. Questi paesi hanno accettato l’aiuto cinese nel loro dipartimento doganale per semplificare la logistica. Questi investimenti si aggiungono ai 200 progetti di costruzione già realizzati da Pechino implementando l’accesso ad internet nei paesi africani.

Un ulteriore aspetto che ci fa comprendere lo sviluppo della cultura cinese in Africa, fa riferimento all’AI implementata dalle aziende cinesi sul suolo africano. Si potrebbe rimanere sorpresi di sapere che la Cina ha già creato interfacce AI in 13 paesi finora. Lo Zimbabwe sta sperimentando programmi di riconoscimento biometrico nel suo aeroporto per frenare la tratta di esseri umani. Inoltre, il software di riconoscimento facciale viene utilizzato anche nelle stazioni ferroviarie e degli autobus.

L’infrastruttura digitale in Africa

L’investimento tecnologico non è un concetto unico. Implica fasi e superamento di complicazioni per raggiungere il successo, come la posa di cavi Internet sul fondo dell’oceano o la costruzione dell’infrastruttura adeguata per trasferire i dati. Un altro esempio della crescente influenza digitale cinese è WeChat Africa, un’applicazione mobile che approfondiremo tra poco.

La Cina ha introdotto per la prima volta il 5G in Africa e ora detiene oltre il 70% della quota di mercato delle telecomunicazioni. Infatti, grazie ai cavi Internet sottomarini da 16 TB, si riescono a ridurre notevolmente anche i costi e tempi di trasporto comunicativi. La comunicazione digitale è come qualsiasi settore i cui costi aumentano a causa di intoppi o ritardi logistici.

Parlando del settore della telefonia, Transsion detiene una quota di mercato significativa nel settore degli smartphone. Colossi cinesi come Tencent e NetEase diversificano i loro investimenti in finanza-tecnologia, social media e piattaforme di e-shopping. Un esempio è Vodapay, un’applicazione unica lanciata da Alibaba che combina lo stile di vita africano alle funzionalità aziendali e allo stesso tempo fornisce funzioni di pagamento mobile.

La Cina investe in Africa poiché riconosce la continua discrepanza tra domanda e offerta africana. Il segreto per influenzare un altro continente è scoprire le esigenze degli utenti che lo popolano e poiché i governi locali non hanno risorse sufficienti per conformarsi, le nazioni sviluppate possono schierare le loro competenze nell’area. Per cementare la presenza cinese in Africa, aziende come Transsion e Huawei stanno investendo in start-up africane attraverso conglomerati di venture capital chiamati Future Hub.

Wechat in Africa

Una delle forme significative di crescita cinese nel paese è legata alla piattaforma digitale cinese WeChat, un progetto congiunto Cina-Africa che compete con WhatsApp di Facebook.

WeChat è stato introdotto in Africa nel 2013 da Tencent, una società Internet cinese. Tuttavia, più di un terzo delle azioni è detenuto da Naspers, un gruppo di intrattenimento sudafricano. WeChat Africa è ampiamente utilizzato dal popolo africano per ordinare cibo, fare acquisti online e persino trasferire pagamenti.

l social media cinesi, in particolare WeChat Africa, ha recentemente collaborato con Stuff magazine, grazie al quale gli utenti possono scansionare un codice a barre che li porta direttamente alle caratteristiche del prodotto. La collaborazione ha inoltre ridotto al minimo i ritardi di spedizione e altre sfide economiche per contribuire a un’ economia più sviluppata. Ci aspettiamo una forte crescità di wechat nei prossimi anni, rendendolo così il primo continente ad avere integrato nella società due app fino ad oggi incompatibili: Wechat e Whatsapp

Può essere l’inizio di una collaborazione tra società apparentemente molto diverse ma con peculiarità molto simili?

Long Advisory agenzia di marketing in Cina

Long Advisory supporta le aziende europee in Cina grazie al marketing digitale. La nostra esperienza, infatti, ci ha portato a credere che oggi l’approccio migliore e più conveniente per far conoscere il proprio brand in Cina sia attraverso il digitale. Inoltre, grazie al nostro know-how, sappiamo come far conoscere il tuo marchio ai potenziali consumatori cinesi. Con l’efficace coordinamento di Long Advisory, la tua azienda vedrà una nuova ascesa nel mercato più grande del mondo: la Cina.

 

Long Advisory è l’azienda di marketing in Cina, specializzata nello sviluppo di soluzioni digitali e consulenza per il mercato cinese.

Sei interessato ad espandere il tuo business in Cina? Contattaci per avere più informazioni info@longadvisory.eu

 

GO BEYOND THE WALL


 

 

Fare branding è fondamentale per promuovere una corretta identità aziendale. Un marchio è una combinazione complessa di nome, logo, concetti associati, prodotti e valori.
In Cina, il mercato dell’e-commerce è cresciuto rapidamente e internet ha reso possibile la connessione e commercializzazione di prodotti e servizi fra paesi di